Una vita dentro una canzone – 22: One Way Street (Mark Lanegan)

ffffffffffffffffffffNon credere non veda. Non credere non veda oltre le autostrade del cielo. Vedo ancora le stelle e la luna. E mi accorgo che non sono dove dovrebbero stare. Vedo tutto come prima, puoi metterci la mano se il fuoco è acceso. Ma non riesco più ad alzare le mani per spostarle e rimetterle al loro posto. L’elettricità della luce che ho rincorso e afferrato non si muove più dal mio viso. E io continuo a percorrere una strada a senso unico.

Potessi fare mia una zona d’ombra! Verrei a trovarti, potremmo darci appuntamento. Staremmo bene insieme. Invece ho sempre questo suono glorioso nelle orecchie e nella testa. Fossi sotto un’onda montante del mare ne uscirei vivo, ne sono certo. Ma tutto questo rumore attorno non mi permette di presentarmi a casa tua. Terresti per mano un perfetto sconosciuto. Cammineresti fianco a fianco di un’ombra. Non so più il tuo nome. Non ricordo la tua voce. Dici che riuscirò a uscire da questa strada senza uscita?

È stato come stringere un patto senza averne uno sotto da firmare. Illuminami il nome e prenditi tutto il resto. Non era così che dovevano andare le cose. Ma queste sono le regole del luna park. Anche tu non potresti uscirtene senza piangere una volta staccato il biglietto e acquistato lo zucchero filato. Quindi conta fino a 99 prima di entrare.gggggggggggggggggg

Piuttosto, ricordati di mandarmi rose quando, vestito di bianco, mi avranno appoggiato le mani sul grembo. Le rose daranno un tocco all’immobile pulizia. Ho bevuto troppo di questo whiskey che sa di limone e zucchero che forse ti conviene muoverti già da ora. Bevo e urlano il mio nome. Bevo e mi danno una fregatura. Bevo e guardo dentro al bauletto della fama. Ci ho messo dentro una mano per rovistarci dentro e non ho trovato niente.

Mandami delle rose, presto. O almeno prenotale. E se pensi di poter fare di più, fammi uscire da questo ruggito che rende sordi. È chiamata la strada senza uscita, ma chissà, camminando all’incontrario forse… solo un modo diverso per cadere?

lm k k  hNon c’è nessun mistero. Quando canto il cielo, il sole, l’acqua, io canto il cielo, il sole e l’acqua. Nessun mistero. Ci pensano loro a mettere su una luce psicotropa e tutto appare con un significato diverso. Non mi appartiene. Non sono io. Eppure non riesco a uscire da questa strada senza uscita.

 

A LIFE WITHIN A SONG – 22: ONE WAY STREET (MARK LANEGAN)

nnnnnnnnnnnnnnnfxxxxxxxxxxxxxxDon’t think I don’t see. Don’t think I don’t see beyond sky’s motorways. I still see the moon and the stars. And I notice they’re not where they’re supposed to be. I see anything as before, you can put your finger on it. But I can’t manage rise my hands to move them to where they should be. The electric light that I did run after and caught it doesn’t slip from my face anymore. And I keep on walking on a one way street.

Could I grab a my own shade zone! I would come over you, we could fix a date. We’d be so good together. On the contrary, I’ve always this glorious sound in my ears and in my mind. Would I be underneath a rolling wave I’d get better out alive, I’m sure about that. But all this noise around doesn’t allow me to show me up at your house. You’d be hand in hand with a perfect stranger. You’d walk alongside a shade. I don’t remember your name anymore. I don’t recall the sound of your voice. Do you think I’ll get out out of this one way street?

It’s been like making a deal having none to sign. Enlight my name and take all the rest. Things hadn’t to go like that. But these are the rules of the fun fair. You too couldn’t get out without crying once got the ticket and took the cotton candy. So, do count ‘till 99 before getting into.

Instead, remember to send me roses when, dressed in white, they’ll have lent the hands on my lap. Roses will give their touch to the motionless cleanness. I’ve drunk this sour whiskey too much and maybe it’s useful move since now. I drink and there’s a world howling my name. I drink and they sell me a rip-off. I drink and I look inside the footlocker of the fame. Put an hand into to turn it upside down and I found it vacant.

Send roses to me, in a hurry. Or book them, at least. And If you think you can succeed in doing something more, make me getting out of this deafening roar. It’s called a one way street, but, who knows it, walking backwards maybe… just a new way to fall down?ssssssssssssssssssssssssssss

There’s no mystery. When I sing the sky, the sun, the water, I simply sing the sky, the sun and the water. No mystery. They take care of switching on a psychotropic light and everything appears uneder a completely different meaning. It doesn’t belong to me. I’m not in there. And yet I can’t manage to get out of this one way street.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...